Newsletter FotoUp
P H O T O * M O V E M E N T   

Photogallery

Il “Caos Calmo” di Tsukiji

[page 1 of 1]

Il quatiere di Tsukiji a Tokio ospita il più grande mercato del pesce al mondo. Un luogo incredibile per gli "occidentali" dove le specie più pregiate sono vendute all'incanto e quotate come i titoli in borsa, tra tecnologia e tradizione

di Gianfranco Spatola

Alle cinque del mattino le prime luci dell’alba rischiarano il golfo di Tokio con i suoi grattacieli, con la sua vita frenetica di metropoli moderna.

Una sorta di “Caos calmo” agita un quartiere artificiale animando il più grande mercato del pesce del mondo. Nel quartiere artificiale di Tsukiji, creato interrando parte del golfo di Tokio, a quest’ora, 65.000 persone arrivano e iniziano qualcosa che per chi guarda dall’esterno ha del miracoloso.
Superate le porte e appena entrati nell’area del mercato si viene investiti da una confusione di persone e piccoli carretti che corrono ad una velocità impressionante in tutte le viuzze di questa città del pesce. Voci si rincorrono da un banco all’altro stabilendo prezzi e incitando all’acquisto o anche semplicemente a visionare la merce. Sui banchi si trova tutto quello che si può immaginare venga dal mare e tutto di dimensioni esagerate.


Il “Caos Calmo” di Tsukiji


Per i pescatori che arrivano dalle battute oceaniche di pesca al tonno, la prima sosta obbligata è quella di recarsi al tempio Tsukiji Hongan-ji per pregare e ringraziare di essere tornati a casa. Accanto a loro il commerciante accende un incenso per propiziarsi i buoni affari per la giornata.

Le contrattazioni, le vendite, i trasporti si svolgono con un ordine assoluto e con una organizzazione perfetta, senza interruzioni, senza apparente rumore, un “Caos calmo” appunto.
Questa gigantesca macchina perfetta però, spesso, tende ad incepparsi per l’enorme quantità di turisti che affollano il mercato e che senza rendersene conto complicano con una invasività irrazionale un meccanismo altrimenti perfettamente oliato, tanto che è notizia di questi giorni che le autorità giapponesi hanno deciso di limitare l’ingresso al mercato ai turisti a causa del disturbo che questi causavano alle contrattazioni e alle normali attività.



Tutte le Photogallery     
Condividi l'articolo sul tuo Social Network


Clicca sulla mappa per selezionare un'area geografica


Photogallery correlate:

Roma, un giorno da incubo

di Massimo Valicchia
Roma_GuerrillaC’è un lungo corteo di persone che parte da Piazza della Repubblica. C’è un gruppo con magliette arancioni con la scritta INDIGNATI, ci sono i No Tav, c’è anche chi sventola bandiere a favore dell’acqua pubblica



Adolescence

di Matteo Zubiani
Adolescence_Matteo_ZubianiAdolescenza come età di passaggio, crescita, formazione, disagio, di contraddizioni; come "spazio" in cui giocare quotidianamente la propria persona, testarla, darle indipendenza




Messina, 192 giorni dopo

di Dino Galvagno
Messina, 192 giorni dopo | FotoUpScaletta Zanclea, Giampilieri Superiore, Molino e Altolia: 192 giorni dopo…a sei mesi dal disastro, insieme alle rovine (e non solo a quelle architettoniche) rimangono segni forti di paesi che da soli si rialzano come meglio possono





Survival: la raccolta fondi 2013

a cura della Redazione

Survival_2012Finanzia le campagne di Survival per aiutare i popoli più minacciati del mondo e diffondi i messaggi che testimoniano la saggezza e la lungimiranza delle culture indigene




Epoché

di Francesco Cianciotta
epoche - francesco cianciottaIl 20 giugno si inaugura a Milano, l'ultima mostra di Francesco Cianciotta dal titolo Epoché, frutto di quindici anni di ricerca. Scopriamo di cosa si tratta attraverso le parole dell'autore






Milano a piedi

Cerca in FotoUp


Photogallery correlate:




Interviste

FotoUp | Witness Journal Alessandro Albert, oltre il posato
FotoUp | Witness Journal Steve McCurry, il fotografo dei colori
FotoUp | Witness Journal Ernesto Bazan presenta Al Campo
FotoUp | Witness Journal Maurizio Rebuzzini
FotoUp | Witness Journal Intervista ad Alberto Giuliani
FotoUp | Witness Journal Intervista a Denis Curti
FotoUp | Witness Journal Naturalmente
FotoUp | Witness Journal Filippo Romano, il fotografo delle città
FotoUp | Witness Journal Reporter nell'era digitale
FotoUp | Witness Journal Intervista ad Andrea Alessio



Scatti d'Autore

FotoUp | Witness Journal Jan Dago
FotoUp | Witness Journal Giorgia Fiorio
FotoUp | Witness Journal Piers Birtwistle
FotoUp | Witness Journal Alfons Rodrìguez
FotoUp | Witness Journal Matt Black
FotoUp | Witness Journal Atul Loke
FotoUp | Witness Journal Bea Ahbeck
FotoUp | Witness Journal Lorne Bridgman
FotoUp | Witness Journal Jeremy Horner
FotoUp | Witness Journal Ivo Saglietti

Agenda

FotoUp | Witness Journal TerraProject + Wu Ming 2 = 4
FotoUp | Witness Journal Verso Ovest
FotoUp | Witness Journal Doisneau – Paris en Liberté
FotoUp | Witness Journal Arte Laguna 12.13
FotoUp | Witness Journal Mario Giacomelli
FotoUp | Witness Journal Holzwege
FotoUp | Witness Journal MyShot
FotoUp | Witness Journal Mare Nostrum
FotoUp | Witness Journal Musei, bambole e altre storie
FotoUp | Witness Journal Hasselblad's Mermaids - Workshop 2012