Newsletter FotoUp
P H O T O * M O V E M E N T   

Photogallery

Caccia Grossa in Sardegna

[page 1 of 1]

La stagione di caccia che sta per chiudersi, è stata la peggiore stagione degli ultimi anni, ma non per il numero di cinghiali catturati, è stata la peggiore per l’alto numero di cacciatori deceduti in incidenti durante le battute.
di Antonello Pirodda


Alcuni sostengono che la Caccia è cambiata, che non è più come una volta. Domenica 24 gennaio, ore 6.30 del mattino, il cielo fuori dalla finestra promette sole, controllo la mia Leica e la borsa, esco per il ritrovo con la squadra di Caccia. Arrivo puntuale, saluto tutti e prendiamo un caffè, niente alcool, ci sono alcuni ragazzi di 12 o 13 anni, il gruppo è eterogeneo.

Tutti parlano e raccontano, le differenze d’età non sembrano un problema. Breve riunione del Capo Battuta e si parte. Arriviamo alla zona dove si svolgerà la battuta, sono circa le 8 di mattina. Si scaricano i cani, sono loro le vere star della battuta, sono coccolati e amati in maniera incredibile, sono eterogenei anche loro, di razza, bastardini, grandi, piccoli, bianchi, neri, Piccuccheddu, Laica, Criminali, Pariseddu, Birba e altri.

I Cacciatori si inoltrano nella selva per occupare i posti assegnati dal Capo Battuta, scarichi i fucili, si accendono i fuochi dei battitori, il fumo inizia a levarsi nell’aria, si vedono i fuochi, iniziano le voci, il latrare dei cani, le urla selvagge dei battitori rompono la quiete della natura, e il volo degli uccelli terrorizzati è il segnale che si parte.

 

 

 

 

 

 Guarda la Photogallery

 


Il cinghiale si sente braccato, come impazzito corre in cerca di una via di fuga...secondi minuti ore.….gli spari, sono passate 8 ore, infine l'ordine del capo caccia...e la natura si rilassa e si riacquieta ... ridiventa silenziosa e cama... le urla ridiventano voci e solo i cani pieni ancora di adrenalina non sembrano accorgersi che la battuta è terminata!


Piano piano i cacciatori abbandonano le poste,chi è stato abile e fortunato porta con se un cinghiale,chi per sfortuna non ha catturato nulla richiama a se il proprio cane e torna al posto di ritrovo convenuto,si fa la conta delle prede abbattute e si va verso la casa che è sede della Squadra, si macellano le prede e vengono preparate le “parti”, ognuno ha la sua…anche io che ho solo fatto da spettatore… si prepara il mangiare e si inizia la festa,  fatta di battute,risate, considerazioni e naturalmente un buon bicchiere di vino.

I più giovani ascoltano i racconti e partecipano alle discussioni come veri “ometti”. Rientro alla 11 a casa, ascolto la radio e oggi in Sardegna tutto è andato bene.
 





Tutte le Photogallery     


Clicca sulla mappa per selezionare un'area geografica


Photogallery correlate:

Ritratti dell'Ederlezi

di Marina Galici
EderleziIl 6 maggio, in ogni parte del mondo, il popolo Rom festeggia l'Ederlezi. Titolo di una canzone popolare tradizionale questo termine si identifica con la festività serba di Đurđevdan



Sarajevo 3

di Andrea Merli

Sarajevo_3_Andrea_MerliSarajevo, la città simbolo del conflitto balcanico che ha dilaniato la ex Yugoslavia di Tito vista attraverso i finestrini di un tram che ne attraversa il cuore da una parte all'altra




Luci e Ombre

di Francesco Brusoni 

Francesco_Brusoni_VecchiaLe immagini della vita in una moderna casa di riposo di un piccolo paese del nord Italia specializzata nell’assistenza degli anziani non autosufficienti è il punto di partenza per una riflessione su una società che "invecchia" sempre di più




Riconvertire

di Massimo Valicchia

Riconvertire_MValicchiaIl 19 aprile alle otto di mattina un gruppo di persone consegna volantini sotto la grande insegna dellʼospedale. Lʼinizio della manifestazione è previsto dopo tre ore. Hanno t-shirt che recitano: “Bracciano NO alla chiusura dellʼospedale”




Normalità Apparente

di Elio Filidei Jr
Terremoto Abruzzo - tendopoli Il terremoto come ogni evento naturale di grosse proporzioni, lascia  evidenti segni sul paesaggio, sulle cose ma sopratutto nelle persone. Oggi in tendopoli





Milano a piedi

Cerca in FotoUp


Photogallery correlate:




Interviste

FotoUp | Witness Journal Testimonianze in bianco e nero
FotoUp | Witness Journal Intervista a Riccardo Venturi
FotoUp | Witness Journal Intervista a Giulio Di Meo
FotoUp | Witness Journal Stefano Nobile, fotografo
FotoUp | Witness Journal In nome di Tina
FotoUp | Witness Journal Camere Oscure
FotoUp | Witness Journal Antonio Politano, reporter turista viaggiatore
FotoUp | Witness Journal Intervista ad Andrea Alessio
FotoUp | Witness Journal Intervista a Denis Curti
FotoUp | Witness Journal Intervista a Andrzej Dragan



Scatti d'Autore

FotoUp | Witness Journal Alessandro Gandolfi
FotoUp | Witness Journal Katharina Hesse
FotoUp | Witness Journal Stephan Vanfleteren
FotoUp | Witness Journal Christoph Bangert
FotoUp | Witness Journal Ivo Saglietti
FotoUp | Witness Journal Vincent Laforet
FotoUp | Witness Journal Klavdij Sluban
FotoUp | Witness Journal Teun Voeten
FotoUp | Witness Journal Annie Griffiths Belt
FotoUp | Witness Journal Fritz Hoffmann

Agenda

FotoUp | Witness Journal TerraProject + Wu Ming 2 = 4
FotoUp | Witness Journal Verso Ovest
FotoUp | Witness Journal Doisneau – Paris en Liberté
FotoUp | Witness Journal Arte Laguna 12.13
FotoUp | Witness Journal Mario Giacomelli
FotoUp | Witness Journal Holzwege
FotoUp | Witness Journal MyShot
FotoUp | Witness Journal Mare Nostrum
FotoUp | Witness Journal Musei, bambole e altre storie
FotoUp | Witness Journal Hasselblad's Mermaids - Workshop 2012