Newsletter FotoUp
P H O T O * M O V E M E N T   

Photogallery

Caccia Grossa in Sardegna

[page 1 of 1]

La stagione di caccia che sta per chiudersi, è stata la peggiore stagione degli ultimi anni, ma non per il numero di cinghiali catturati, è stata la peggiore per l’alto numero di cacciatori deceduti in incidenti durante le battute.
di Antonello Pirodda


Alcuni sostengono che la Caccia è cambiata, che non è più come una volta. Domenica 24 gennaio, ore 6.30 del mattino, il cielo fuori dalla finestra promette sole, controllo la mia Leica e la borsa, esco per il ritrovo con la squadra di Caccia. Arrivo puntuale, saluto tutti e prendiamo un caffè, niente alcool, ci sono alcuni ragazzi di 12 o 13 anni, il gruppo è eterogeneo.

Tutti parlano e raccontano, le differenze d’età non sembrano un problema. Breve riunione del Capo Battuta e si parte. Arriviamo alla zona dove si svolgerà la battuta, sono circa le 8 di mattina. Si scaricano i cani, sono loro le vere star della battuta, sono coccolati e amati in maniera incredibile, sono eterogenei anche loro, di razza, bastardini, grandi, piccoli, bianchi, neri, Piccuccheddu, Laica, Criminali, Pariseddu, Birba e altri.

I Cacciatori si inoltrano nella selva per occupare i posti assegnati dal Capo Battuta, scarichi i fucili, si accendono i fuochi dei battitori, il fumo inizia a levarsi nell’aria, si vedono i fuochi, iniziano le voci, il latrare dei cani, le urla selvagge dei battitori rompono la quiete della natura, e il volo degli uccelli terrorizzati è il segnale che si parte.

 

 

 

 

 

 Guarda la Photogallery

 


Il cinghiale si sente braccato, come impazzito corre in cerca di una via di fuga...secondi minuti ore.….gli spari, sono passate 8 ore, infine l'ordine del capo caccia...e la natura si rilassa e si riacquieta ... ridiventa silenziosa e cama... le urla ridiventano voci e solo i cani pieni ancora di adrenalina non sembrano accorgersi che la battuta è terminata!


Piano piano i cacciatori abbandonano le poste,chi è stato abile e fortunato porta con se un cinghiale,chi per sfortuna non ha catturato nulla richiama a se il proprio cane e torna al posto di ritrovo convenuto,si fa la conta delle prede abbattute e si va verso la casa che è sede della Squadra, si macellano le prede e vengono preparate le “parti”, ognuno ha la sua…anche io che ho solo fatto da spettatore… si prepara il mangiare e si inizia la festa,  fatta di battute,risate, considerazioni e naturalmente un buon bicchiere di vino.

I più giovani ascoltano i racconti e partecipano alle discussioni come veri “ometti”. Rientro alla 11 a casa, ascolto la radio e oggi in Sardegna tutto è andato bene.
 





Tutte le Photogallery     
Condividi l'articolo sul tuo Social Network


Clicca sulla mappa per selezionare un'area geografica


Photogallery correlate:

25 aprile - Festa della Liberazione

di Federico Borselli
 Il fascismo per me non può essere considerato una fede politica... il fascismo è l'antitesi di tutte le fedi politiche [...], perché opprime le fedi altrui. Sandro Pertini (1896–1990), VII Presidente della Repubblica Italiana



Il Flamenco in pantaloni

di Rosa Pugliese
FlamencoIl Flamenco senza abiti tradizionali, senza nacchere e qualche volta persino in pantaloni




Narrazioni di famiglia

di M.Brancati in collaborazione con R. Chessa
MBrancati_Esisteredifatto“Esistere di fatto” è un progetto per tappe. La prima parte da un’indagine sulle diverse tipologie di nuclei familiari, porzioni di vita di chi convive per amore senza necessariamente un passaggio ufficializzato da un matrimonio



Alcool Abuse

di Paolo Patruno
Alcool AbuseWellington, 34 anni. Sposato con Elube, 28 anni, con la quale ha avuto 3 bambini di 10, 6 e 3 anni. Dal 2008 Wellington lavora presso la Lilongwe City Assembly per la manutenzione delle strade, con un salario mensile di 8.100 kwacha, circa 35 euro



Il “Caos Calmo” di Tsukiji

di Gianfranco Spatola
http://www.fotoup.net/galleria_fot/Tsukiji/Il quatiere di Tsukiji a Tokio ospita il più grande mercato del pesce al mondo. Un luogo incredibile per gli "occidentali" dove le specie più pregiate sono vendute all'incanto e quotate come i titoli in borsa, tra tecnologia e tradizione





Nikon D800

Cerca in FotoUp


Photogallery correlate:




Interviste

FotoUp | Witness Journal Galimberti: scatti sussurrati
FotoUp | Witness Journal Intervista a Alfredo Bini
FotoUp | Witness Journal Stefano Dal Pozzolo, il fotografo vaticanista
FotoUp | Witness Journal Passione andina
FotoUp | Witness Journal L'Italia di Giovanni Marrozzini
FotoUp | Witness Journal Giuliano Borghesan
FotoUp | Witness Journal In nome di Tina
FotoUp | Witness Journal Steve McCurry, il fotografo dei colori
FotoUp | Witness Journal Testimonianze in bianco e nero
FotoUp | Witness Journal Camere Oscure



Scatti d'Autore

FotoUp | Witness Journal Giancolombo
FotoUp | Witness Journal Toru Morimoto
FotoUp | Witness Journal Enrico Bossan
FotoUp | Witness Journal Boogie
FotoUp | Witness Journal George Steinmetz
FotoUp | Witness Journal Lorenzo Moscia
FotoUp | Witness Journal GMB Akash
FotoUp | Witness Journal Francesco Nonnoi
FotoUp | Witness Journal Kenneth Garrett
FotoUp | Witness Journal Fabio Liverani

Agenda

FotoUp | Witness Journal TerraProject + Wu Ming 2 = 4
FotoUp | Witness Journal Verso Ovest
FotoUp | Witness Journal Doisneau – Paris en Liberté
FotoUp | Witness Journal Arte Laguna 12.13
FotoUp | Witness Journal Mario Giacomelli
FotoUp | Witness Journal Holzwege
FotoUp | Witness Journal MyShot
FotoUp | Witness Journal Mare Nostrum
FotoUp | Witness Journal Musei, bambole e altre storie
FotoUp | Witness Journal Hasselblad's Mermaids - Workshop 2012