Newsletter FotoUp
P H O T O * M O V E M E N T   

Photogallery

Caccia Grossa in Sardegna

[page 1 of 1]

La stagione di caccia che sta per chiudersi, è stata la peggiore stagione degli ultimi anni, ma non per il numero di cinghiali catturati, è stata la peggiore per l’alto numero di cacciatori deceduti in incidenti durante le battute.
di Antonello Pirodda


Alcuni sostengono che la Caccia è cambiata, che non è più come una volta. Domenica 24 gennaio, ore 6.30 del mattino, il cielo fuori dalla finestra promette sole, controllo la mia Leica e la borsa, esco per il ritrovo con la squadra di Caccia. Arrivo puntuale, saluto tutti e prendiamo un caffè, niente alcool, ci sono alcuni ragazzi di 12 o 13 anni, il gruppo è eterogeneo.

Tutti parlano e raccontano, le differenze d’età non sembrano un problema. Breve riunione del Capo Battuta e si parte. Arriviamo alla zona dove si svolgerà la battuta, sono circa le 8 di mattina. Si scaricano i cani, sono loro le vere star della battuta, sono coccolati e amati in maniera incredibile, sono eterogenei anche loro, di razza, bastardini, grandi, piccoli, bianchi, neri, Piccuccheddu, Laica, Criminali, Pariseddu, Birba e altri.

I Cacciatori si inoltrano nella selva per occupare i posti assegnati dal Capo Battuta, scarichi i fucili, si accendono i fuochi dei battitori, il fumo inizia a levarsi nell’aria, si vedono i fuochi, iniziano le voci, il latrare dei cani, le urla selvagge dei battitori rompono la quiete della natura, e il volo degli uccelli terrorizzati è il segnale che si parte.

 

 

 

 

 

 Guarda la Photogallery

 


Il cinghiale si sente braccato, come impazzito corre in cerca di una via di fuga...secondi minuti ore.….gli spari, sono passate 8 ore, infine l'ordine del capo caccia...e la natura si rilassa e si riacquieta ... ridiventa silenziosa e cama... le urla ridiventano voci e solo i cani pieni ancora di adrenalina non sembrano accorgersi che la battuta è terminata!


Piano piano i cacciatori abbandonano le poste,chi è stato abile e fortunato porta con se un cinghiale,chi per sfortuna non ha catturato nulla richiama a se il proprio cane e torna al posto di ritrovo convenuto,si fa la conta delle prede abbattute e si va verso la casa che è sede della Squadra, si macellano le prede e vengono preparate le “parti”, ognuno ha la sua…anche io che ho solo fatto da spettatore… si prepara il mangiare e si inizia la festa,  fatta di battute,risate, considerazioni e naturalmente un buon bicchiere di vino.

I più giovani ascoltano i racconti e partecipano alle discussioni come veri “ometti”. Rientro alla 11 a casa, ascolto la radio e oggi in Sardegna tutto è andato bene.
 





Tutte le Photogallery     
Condividi l'articolo sul tuo Social Network


Clicca sulla mappa per selezionare un'area geografica


Photogallery correlate:

Dentro ” Le Vele"

di Andrea Brera
Dentro ” Le VeleLe vele” di Scampia sono abitazioni costruite nell'omonimo quartiere della città di Napoli tra il 1962 e il 1975. Prendono il nome dalla loro forma triangolare che ricorda appunto quella di una vela, larga alla base che va restringendosi man mano che verso i piani superiori 




Pride - Different people, same rights

di Simona Carli
Pride - Different people, same rights - FotoUpÈ da anni che da Napoli prendo un treno per Roma per partecipare al Gay Pride nazionale, ma nel giugno 2010, questo magnifico evento ha avuto luogo nella mia città




MAXXI

di Massimo Valicchia
MAXXI_MValicchiaIl MAXXI è il primo museo nazionale dedicato alla creatività contemporanea nel campo delle arti e dellʼarchitettura. Il museo sorge allʼinterno del quartiere Flaminio, nellʼarea dellʼex caserma Montello, in uno spazio di 27mila mq circa



Il fermo dei bisonti

di Adamo Di Loreto
Sciopero autotrasportatoriLe immagini del blocco degli autotrasportatori dello scorso gennaio sono l'emblema di un'economia in crisi e di un sistema che ha smesso di produrre benessere da tempo




Crociera in 3GS

di Alessandro Silipo
Apple iPhone 3GS 16gbQuando la normalità diventa degrado scorrazzando in giro per il mediterraneo, raccontato attraverso l'occhio di un Apple iPhone 3GS 16gb

 






Milano a piedi

Cerca in FotoUp


Photogallery correlate:




Interviste

FotoUp | Witness Journal Testimonianze in bianco e nero
FotoUp | Witness Journal Intervista a Giulio Di Meo
FotoUp | Witness Journal Intervista a Alfredo Bini
FotoUp | Witness Journal Porto Franco
FotoUp | Witness Journal Stefano Dal Pozzolo, il fotografo vaticanista
FotoUp | Witness Journal Antonio Zambardino, essere giovane fotografo oggi
FotoUp | Witness Journal Intervista a Tano D'Amico
FotoUp | Witness Journal Mathare United
FotoUp | Witness Journal Ernesto Bazan, il fotografo poeta
FotoUp | Witness Journal Maurizio Rebuzzini



Scatti d'Autore

FotoUp | Witness Journal Gianluca Fiesoli
FotoUp | Witness Journal Francesca Woodman | Some Disordered Interior Geometries
FotoUp | Witness Journal Enrico Mascheroni
FotoUp | Witness Journal Roger Lemoyne
FotoUp | Witness Journal Stefano De Luigi
FotoUp | Witness Journal Lynsey Addario
FotoUp | Witness Journal Lorena Ros
FotoUp | Witness Journal Mads Nissen
FotoUp | Witness Journal GMB Akash
FotoUp | Witness Journal Jan Dago

Agenda

FotoUp | Witness Journal TerraProject + Wu Ming 2 = 4
FotoUp | Witness Journal Verso Ovest
FotoUp | Witness Journal Doisneau – Paris en Liberté
FotoUp | Witness Journal Arte Laguna 12.13
FotoUp | Witness Journal Mario Giacomelli
FotoUp | Witness Journal Holzwege
FotoUp | Witness Journal MyShot
FotoUp | Witness Journal Mare Nostrum
FotoUp | Witness Journal Musei, bambole e altre storie
FotoUp | Witness Journal Hasselblad's Mermaids - Workshop 2012