Newsletter FotoUp
P H O T O * M O V E M E N T   

Photogallery

Caccia Grossa in Sardegna

[page 1 of 1]

La stagione di caccia che sta per chiudersi, è stata la peggiore stagione degli ultimi anni, ma non per il numero di cinghiali catturati, è stata la peggiore per l’alto numero di cacciatori deceduti in incidenti durante le battute.
di Antonello Pirodda


Alcuni sostengono che la Caccia è cambiata, che non è più come una volta. Domenica 24 gennaio, ore 6.30 del mattino, il cielo fuori dalla finestra promette sole, controllo la mia Leica e la borsa, esco per il ritrovo con la squadra di Caccia. Arrivo puntuale, saluto tutti e prendiamo un caffè, niente alcool, ci sono alcuni ragazzi di 12 o 13 anni, il gruppo è eterogeneo.

Tutti parlano e raccontano, le differenze d’età non sembrano un problema. Breve riunione del Capo Battuta e si parte. Arriviamo alla zona dove si svolgerà la battuta, sono circa le 8 di mattina. Si scaricano i cani, sono loro le vere star della battuta, sono coccolati e amati in maniera incredibile, sono eterogenei anche loro, di razza, bastardini, grandi, piccoli, bianchi, neri, Piccuccheddu, Laica, Criminali, Pariseddu, Birba e altri.

I Cacciatori si inoltrano nella selva per occupare i posti assegnati dal Capo Battuta, scarichi i fucili, si accendono i fuochi dei battitori, il fumo inizia a levarsi nell’aria, si vedono i fuochi, iniziano le voci, il latrare dei cani, le urla selvagge dei battitori rompono la quiete della natura, e il volo degli uccelli terrorizzati è il segnale che si parte.

 

 

 

 

 

 Guarda la Photogallery

 


Il cinghiale si sente braccato, come impazzito corre in cerca di una via di fuga...secondi minuti ore.….gli spari, sono passate 8 ore, infine l'ordine del capo caccia...e la natura si rilassa e si riacquieta ... ridiventa silenziosa e cama... le urla ridiventano voci e solo i cani pieni ancora di adrenalina non sembrano accorgersi che la battuta è terminata!


Piano piano i cacciatori abbandonano le poste,chi è stato abile e fortunato porta con se un cinghiale,chi per sfortuna non ha catturato nulla richiama a se il proprio cane e torna al posto di ritrovo convenuto,si fa la conta delle prede abbattute e si va verso la casa che è sede della Squadra, si macellano le prede e vengono preparate le “parti”, ognuno ha la sua…anche io che ho solo fatto da spettatore… si prepara il mangiare e si inizia la festa,  fatta di battute,risate, considerazioni e naturalmente un buon bicchiere di vino.

I più giovani ascoltano i racconti e partecipano alle discussioni come veri “ometti”. Rientro alla 11 a casa, ascolto la radio e oggi in Sardegna tutto è andato bene.
 





Tutte le Photogallery     
Condividi l'articolo sul tuo Social Network


Clicca sulla mappa per selezionare un'area geografica


Photogallery correlate:

Una vita oltre il Mediterraneo

di Francesco Cusenza
Mediterraneo_CusenzaLa storia degli immigrati messi in fuga dalla guerra civile libica e approdati in Italia. Profughi sopravvissuti a un inferno bellico, destinati ad affrontarne uno burocratico




Il Ghetto

A cura della Redazione
Fotografie di di Carmine Flamminio
 27 gennaio 2009, Giornata della Memoria. Un servizio per non dimenticare le nostre responsabilità e la nostra storia, anche in un momento storico così difficile nei rapporti tra Israele e Palestina



Cremazione ad Agra

di Anna Svelto
Nella  città di Agra ci siamo recati in un luogo adibito a cremazione ed abbiamo incontrato cortei funebri che trasportano i defunti avvolti in un telo su barelle di bambù




Belgrado - La città bianca

di Yuri Ceschin
Belgrado - La città bianca | FotoUpBelgrado. La “Città Bianca”, questo significa il suo nome. Non è più questa però l’impressione che si ha camminando tra i suoi palazzi, osservando il panorama dall’alto della Fortezza cittadina o facendo jogging lungo il Danubio.





Spazzacamini

di Edoardo Mozzanega
Spazzacamin_EMozzanegaOrganizzati in sindacati e comunità, in divisa, con l'inseparabile cappello e rigorosamente sporchi di fuliggine, si ritrovano ogni anno a Santa Maria Maggiore in Val Vigezzo spazzacamino da ogni angolo del globo, dall'America al Giappone





Milano a piedi

Cerca in FotoUp


Photogallery correlate:




Interviste

FotoUp | Witness Journal Il fotografo delle Polaroid
FotoUp | Witness Journal Intervista a Davide Monteleone
FotoUp | Witness Journal Intervista a Gianluca Colla
FotoUp | Witness Journal Intervista a Tano D'Amico
FotoUp | Witness Journal Camere Oscure
FotoUp | Witness Journal Steve McCurry, il fotografo dei colori
FotoUp | Witness Journal Testimonianze in bianco e nero
FotoUp | Witness Journal Naturalmente
FotoUp | Witness Journal Intervista a Massimo Di Nonno
FotoUp | Witness Journal Passione andina



Scatti d'Autore

FotoUp | Witness Journal Laura Salvinelli
FotoUp | Witness Journal Gian Battista Colombo
FotoUp | Witness Journal Kharim Ben Khelifa
FotoUp | Witness Journal Krisanne Johnson
FotoUp | Witness Journal Alberto Venzago
FotoUp | Witness Journal Fritz Hoffmann
FotoUp | Witness Journal Francesco Nonnoi
FotoUp | Witness Journal James Blair
FotoUp | Witness Journal Ahikam Seri
FotoUp | Witness Journal Erin Trieb

Agenda

FotoUp | Witness Journal TerraProject + Wu Ming 2 = 4
FotoUp | Witness Journal Verso Ovest
FotoUp | Witness Journal Doisneau – Paris en Liberté
FotoUp | Witness Journal Arte Laguna 12.13
FotoUp | Witness Journal Mario Giacomelli
FotoUp | Witness Journal Holzwege
FotoUp | Witness Journal MyShot
FotoUp | Witness Journal Mare Nostrum
FotoUp | Witness Journal Musei, bambole e altre storie
FotoUp | Witness Journal Hasselblad's Mermaids - Workshop 2012